Citisina: la riscoperta di un farmaco naturale (ed economico) per smettere di fumare

 

Per liberarsi dal vizio del fumo è un’efficace alternativa alle terapie tradizionali: ecco cosa c’è da sapere

Questo farmaco “può essere considerato l’aspirina nella lotta al tabagismo” afferma Witold Zatonski, Direttore e Professore della Division of Cancer Epidemiology & Prevention at Cancer Center & Institute of Oncology di Varsavia, invitato lo scorso 7 maggio a Milano per spiegare i benefici di questo nuovo “vecchio” medicinale. Sì, perché la molecola della citisina è stata scoperta negli anni ’60 e da allora utilizzata con successo nei Paesi al di là della “cortina di ferro” come principale arma nella lotta contro il fumo.

Ma cos’è la citisina e come funziona?

Zatonski, che si considera un po’ il “padrino” di questo farmaco, dato che lo studia da più di vent’anni, spiega che “la Citisina è un alcaloide di origine vegetale estratto dal Cytisus laburnum L. (Maggiociondolo)” una pianta che assomiglia a quella del tabacco, tanto che negli Stati Uniti è proprio popolarmente conosciuta come “tabacco finto” (fake tobacco).